Siam qui pur noi!

RADIODRAMMA (A TEATRO)

Produzione: Nucleo Meccanico per Unione Sindacale di Bellinzona e nucleomeccanico.com 

Con il sostegno della Radiotelevisione Svizzera di lingua Italiana Rete Due

2018/19

scritto da Flavio Stroppini e Monica De Benedictis

con 

Silvia Pietta

Margherita Saltamacchia

Matteo Carassini

e Flavio Sala

Musiche originali  composte ed eseguite da Andrea Manzoni

con Daniele Dell’Agnola alla fisarmonica

Registrati da Piergiorgio Motto

Sound design William Geroli

Luci Paolo Battaglia

Montaggio e regia di Flavio Stroppini

Produzione Monica De Benedictis

Si ringrazia per la consulenza storica 

Gabriele Rossi e la Fondazione Pellegini-Canevascini

PRIMA: 16, 17 marzo 2019 | Teatro Sociale Bellinzona

Era il 1919, il il Fascio delle Organizzazioni sindacali di Bellinzona decise di dotarsi di una una Casa del Popolo, un’istituzione priva dell’idea borghese di profitto. Vennero raccolti, attraverso l’emissione di note sociali i soldi necessari per comprare il miglior albergo della città, l’Hôtel Schweizerhof proprio davanti alla stazione. Era una sfida, era nato un simbolo. 

In occasione dell’apertura, a fine marzo di quell’anno, venne pubblicata una poesia. 

Non è ancor spento l’ululo

de’ botoli ringhiosi

che contro di noi si volsero

quai serpi velenosi,

quando sostammo un attimo

per dir: siam qui pur noi!

Fu così che partì la storia della Casa del Popolo di Bellinzona. Un’idea di speranza ricolma di attività: Università popolare, biblioteca e sala di lettura, scuola popolare di musica e di canto, scuola di teatro, sezioni di ginnastica e di escursione, cicli di conferenze, cinema e concerti gratuiti. Poi una stamperia, il cinema… e il ristorante e l’albergo a prezzi modici. Cento anni di storie, tra alti e bassi che ci hanno portato oggi, a festeggiare e a ricordare. Riproporre queste storie significa impossessarci di nuovo della nostra identità. Dare un segno, in occasione del centenario. Noi siamo quelli che ricordano! Ricordare significa costruire basi solide per il futuro. Noi siamo anche la storia che siamo stati.

I cento anni della Casa del Popolo diventano un originale radiofonico. A teatro si potrà vivere “il radiodramma” vedendolo. Sul palco attori, musicisti, i tecnici del suono, il regista, il rumorista, poi fogli, leggii e naturalmente i microfoni. Ogni spettatore riceverà una cuffia wireless, dalla quale ascoltare, per una volta, vedendo. 

Written by: